Stefano Sechi

Aggressione a Torino, grazie a Stefano una legge contro l’omofobia in Piemonte

Stefano Sechi

L’aggressione omofoba subita da Stefano Sechi sull’autobus in quel di Torino qualche giorno fa (>> qua la sua storia) che ha avuto tanto riscontro mediatico (>> qua l’intervista di Stefano da Barbara d’Urso) ha finalmente un lieto fine.
Grazie al coraggio di Stefano che l’ha spinto a denunciare l’aggressione, infatti, l’assessore regionale alle Pari Opportunità, Monica Cerrutti, ha dichiarato che – grazie al suo incontro con Sechi, Battaglia e Giusta del coordinamento Torino Pride – ha stilato una proposta di legge regionale contro le discriminazioni che spera vivamente sarà condivisa e approvata dal Consiglio. 
«La politica deve passare dagli slogan ai fatti: approvare il progetto di legge che ho presentato in Giunta potrebbe essere il primo passo», ha aggiunto.
In Piemonte una legge contro le discriminazioni è pronta. Auspichiamo che il suo esempio [di Stefano ndr] possa dare la forza anche ad altri di denunciare eventuali violenze“.
Il bulletto che ha tirato un pugno in faccia a Stefano non prima di averlo insultato, ha picchiato la persona sbagliata e queste sono le conseguenze. 
Bravissimo Stefano.
Mai vergognarsi di subire un’aggressione e soprattutto mai tacerla.

omofobia

comments

LGBT

Articoli più letti del mese