BArmy

Il BreatheHeavy.com non esiste più: è finita l'era di Britney Spears?

BArmy

Dopo dieci anni di onorato servizio, il BreatheHeavy.com, gestito da quel nano bonazzo di Jordan Miller, non esiste più.
Il sito su Britney Spears più famoso al mondo (conosciuto ed appoggiato sia da Britney che dal suo team) si è infatti trasformato nel giorno del suo decimo compleanno in un generico blog di musica pop.
In home page non solo articoli sulla Spears, ma anche su Mariah Carey, Miley Cyrus e Beyoncé.
Praticamente è diventato un competitor di Perez Hilton. 
Il perché?
Perché secondo Jordan Miller ed il suo ragazzo Britney Spears “non tira più”, le visite stavano calando ed il forum, l’Exhale, era in caduta libera.
Un cambio repentino che ha sdegnato i brittaroli di tutto il mondo che vedevano il BreatheHeavy come l’unica fonte di notizie sulla loro amata.
“Britney Spears sculetta e non fa una cosa interessante dal 2008” dice il suo ragazzo, “non l’ho fatto per soldi, ma per ingrandire la mia carriera” ha replicato Miller.
Che Britney Spears sia realmente finita?
Gli show a Las Vegas vanno alla meraviglia tanto che il Planet Hollywood vorrebbe estendere di un anno la residenza, ma il flop di Britney Jean e l’apparente menefreghismo della Spears nei confronti della propria carriera hanno fatto crollare molte certezze.
Dopo Mariah Carey e Christina Aguilera sarà Britney Spears la “floppettara” di turno?
O Britney Jean sarà ricordato semplicemente come una parentesi negativa?
Nel dubbio, anche il moderatore del suo fan-site più grande le ha girato le spalle creando non poche lamentele: i brittaroli, infatti, si stanno trasferendo in massa nel forum del suo “rivale” rimasto però fedele alla Spears: il Britney-Galaxy.

1907349_10152483699980180_8542090666260419756_n 10378949_10201347525410369_8813221637868048350_n Screen Shot 2014-06-07 at 8.00.54 AM

 

BpfAS0hIAAAOmiN.jpg-large.jpg-large BpidGWLCcAARqBM.jpg-large.jpg-large

 

10426784_10201286879492655_364850881018361139_n

blog britney spearsbreatheheavyBritney Spearsjordan miller

comments

Articoli più letti del mese