issima91 ok

Issima91 a Bitchy F fra YouTube, critiche e collaborazioni – l’intervista esclusiva!

Issima91

Eccessivo, volutamente trash, ironico (e auto-ironico), diretto, senza peli sulla lingua e allo stesso tempo molto divertente.
Cristiano – sul web Issima91 – è riuscito a passare nell’arco di un paio d’anni da disoccupato ragazzo di provincia a web star cliccatissima.
Il suo canale, che vanta quasi 60.000 iscritti e oltre 7 milioni di visualizzazioni, è motivo di questa intervista che segue quella fatta a MurielBoom (> qua) e a Brian Amato (> qua).

Cosa o chi ti ha spinto ad aprire un canale su YouTube?
Fino a 2 anni fa usavo YouTube solo per guardare video musicali o ascoltare canzoni, poi un giorno tra i consigliati dal sito è apparso un “what’s in my bag”, un video con una ragazza che parlando “da sola” mostrava quello che aveva dentro la sua borsa di tutti i giorni. Mi son subito chiesto a chi interessasse una cosa del genere, ma mi sono subito accorto che di video del genere ce n’erano moltissimi. Così, per gioco e soprattutto noia, ho caricato un video-parodia prendendo in giro le guru e le loro borse. Da quel video è partito tutto.

Quanta Issima91 c’è in Cristiano e quanto Cristiano c’è in Issima91? Ci sono delle differenze fra i due?
La differenza è semplice: Issima91 è un Cristiano molto più esuberante, sorridente e trash. È un me stesso più esagerato, portato all’esasperazione. Mi sembra palese e al quanto impossibile essere sempre allegri e felici 24 ore su 24 come mostro su YouTube.

Sul tuo canale segui moltissime rubriche, quale è quella che più ti piace girare?
Le rubriche che più amo sono principalmente le CHALLENGE e i TUBISSIMA. La prima perché mi diverto sempre tantissimo a girarle, la seconda perché una volta caricato il video trovo un riscontro enorme da parte dei miei iscritti. Moltissimi commentano e guardano solo quei video.

Da qualche mese è protagonista di gran parte dei tuoi video anche il tuo amico Manuel: come è nata l’idea di collaborare con lui?
L’idea di collaborare con Manuel è nata semplicemente perché avevo in mente di girare un video ma servivano 2 persone per realizzarlo, quindi gli chiesi di partecipare e lui accettò. Fatto sta che chi ha guardato il video ha iniziato a chiedere di lui, hanno iniziato a richiederlo come “guest” e così abbiamo continuato a fare molti video a 2 e gli iscritti si sono affezionati a lui, quindi ormai è diventata una colonna portante del canale.

Come rispondi a quelli che ti accusano – senza motivo – di “non rappresentare bene il mondo gay”?
Non ho mai voluto e non voglio rappresentare proprio nessuno. Chi si attacca a queste cose stupide apra un suo canale e rappresenti al meglio chi vuole. Io rappresento me stesso.

Con la popolarità, come avviene sempre, oltre ad un grande affetto da parte dei follower, hai anche avuto a che fare con molti hater: come reagisci alle offese? Ci hai fatto l’abitudine?
Gli haters sono quasi tutti gay per l’appunto. E all’inizio leggere tante offese gratuite da parte di persone che dovrebbero capire e sapere in prima persona quanto sia sbagliato e faccia male offendere gli altri fa male. Ma devo dire che ti ci abitui quasi subito. È l’altra faccia della medaglia. D’altronde mi ci sono messo io sul web e so che posso ricevere affetto come odio. Mettici in più che chi offende lo fa da dietro uno schermo e principalmente perché non ha di meglio da fare, se lasciare un commento con qualche offesa lo fa stare in pace con se stesso per qualche minuto che lo faccia. Al contrario di loro vivo lo stesso benissimo la mia vita.

Qualche settimana fa hai tenuto il tuo primo incontro a Milano: come è andata? Ti aspettavi tutte quelle persone?
L’incontro a Milano è stato un’emozione incredibile. Per la primissima volta ho guardato negli occhi persone che tutti i giorni mi scrivono di loro e mi raccontano le loro vite, o semplicemente commentano i miei video. Ci sono stati ragazzi che si sono fatti 3 ore di treno per venire e mamme simpaticissime (sembrava avessero trascinato loro i figli lì). Doveva durare un’ora, ma il tempo è praticamente volato e siamo stati tutto il pomeriggio a parlare, sotto il sole, sudati fradici (quel sabato c’erano 40 gradi). Ancora mi domando come sia possibile tutto questo.

Chi sono i cinque tuoi colleghi che apprezzi maggiormente?
YouTube mi ha portato a conoscere tantissimi miei “colleghi”. Quelli che amo e apprezzo maggiormente sono: ladivadeltubo, Nadia Tempest, Starfashionmakeup (> qua  la sua intervista ndr), Alain Meroni (> qua la sua intervista ndr), Laverginedorecchie, Cherylpandemonium e Erikioba. Li conosco tutti, ci parlo spesso e devo dire che sono delle persone con cui avrei fatto amicizia volentieri anche senza YouTube.

C’è qualche YouTube con cui vorresti collaborare? Se sì, chi?
Non collaboro spesso con altri youtuber per colpa della distanza in quanto abitano quasi tutti a Milano o Roma, ma mi piacerebbe creare un super video con Cheryl e Erikioba, o magari un vlog tra sfrante con Edo (Starfashionmakeup).

La prima volta che ho parlato di te sul blog era Gennaio 2014 (> qua l’articolo incriminato), se dovessi riguardare indietro, come sei cambiato in questo anno e mezzo?
In questo anno e mezzo son cambiate tante cose, forse troppe. Probabilmente non creerei più HOTISSIMA, che ha fatto ridere molti, ma mi ha creato alcuni problemi. Un anno e mezzo fa, leggendo i commenti acidi sotto il tuo primo articolo su di me, ci rimanevo male, adesso mi faccio delle grasse risate. (Ps: NON HO PAGATO FABIANO PER L’INTERVISTA). Parlando al di fuori di YouTube, questi mesi mi sono serviti a limitare la mia timidezza, prima di iniziare a caricare video mi vergognavo anche di chiedere una bottiglietta d’acqua alla barista del paese. Infine i ragazzi appena scoprono che sono “quello dei video” scappano a gambe levate, ma questa è un’altra storia..

> Qua se volete recuperare tutti gli articoli su Issima91

Se volete seguire Issima:
> YouTube
> Instagram
> Twitter
> Facebook

issima91l'angolo di youtube

comments

INTERVISTE

Articoli più letti del mese