omofobia

La splendida storia di Andrea, il ragazzo che ha vissuto molti anni nel corpo sbagliato

Omofobia Stop Trans Andrea
Preparate i fazzoletti che questa storia – purtroppo comune a molte persone transgender – è davvero toccante.
A riportarla è stata la pagina contro l’omofobia e la disuguaglianza Omofobia Stop, che ha raccolto la testimonianza di Andrea, trans FtM che ha iniziato il suo percorso di transizione dopo un matrimonio fallito ed un figlio.
Mi limito a copia-incollare, qua troverete la fonte originale.

Era appena iniziato il 1989 quando a distanza di 13 anni dall’ultimo fratello.. spuntai io dal nulla..
Mia mamma aveva 40 anni e già quattro figli grandi e sistemati, diciamo che non ero proprio in programma ecco.
Tre femmine, due maschi, mamma e papà.. era cosi che era composta la mia famiglia..
Nel 1991 si sposa il primo dei miei fratelli, a seuguire mia sorella, nel 1993 accade l irreparabile, il mio papà muore in un brutto incidente.
La vita va avanti.. si sposano anche il restante dei miei fratelli e sorelle, fino a che non restiamo io e la mia mamma soltanto…
Io cresco velocemente, veloce quanto crescevano i miei dubbi e le mie insicurezze.. non volevo essere femmina, non capivo cosa stesse succedendo, sapevo solo che quel corpo mi stava scomodo.. comincia cosi un periodo di ribellione.
Rifiuto totale per bambole gonnelline e nastrini.
Crisi, pianti isterici in attesa di diventare signorina..
Non lo trovavo giusto, non riuscivo a farmene una ragione, ma più crescevo, più dovevo farmene una ragione.
“Era cosi e basta” non potevo farci niente..
Troppo piccola e sola per buttarmi in una guerra cosi grande, soprattutto vivendo in un paese dove la mentalità purtroppo è quella che è.
Arriva l adolescenza, cresco con una bella compagnia, le mie amiche provano a “raddrizzare” il mio essere cosi maschiaccio, e ci riescono.
Ormai avevo perso quella battaglia, gettai la spugna e le lasciai fare.
“Era giusto cosi” “sono nata cosi e basta” era questo che mi rimbombava in testa.. tanto da convincermi e dare inizio ad una squallida recita durata 25 anni.
Messa ormai del tutto da parte la mia vera identità di genere arrivano i primi amori, i primi baci le prime esperienze…
A 18 anni mi fidanzai e andai a convivere con un ragazzo.
Dopo due anni restai incinta, a soli 20 anni diventai mamma e la mia vita cambiò radicalmente.
Arrivò il 2012, mio figlio aveva 3 anni… iniziarono le forti crisi con lui, e con quelle crisi tornano le mie crisi di identità.
Conobbi una ragazza, ci innamoriamo, lasciammo tutto e cominciammo una vita assieme io lei e il bambino.
Per 3 anni restiamo assieme come coppia omosessuale, ma poi qualcosa scatta in me, di nuovo, quel rifiuto di quel corpo che vedevo allo specchio torna a galla, piu forte che mai.
Questa volta non riesco a reprimerlo, ormai mi aveva invaso totalmente.
Nella mia testa c era solo un pensiero.. voglio essere felice, davvero.
Decido di parlarne con quella che era la mia compagna, comincio a informarmi, a cercare. Finalmente trovo la mia strada.. quello che pensavo fosse impossibile piano piano si fece sempre più reale e concreto.
Comincio a dirlo alle persone più vicine alla mia vita, c è chi non ha battuto ciglio, chi non ha capito, e chi stava solo aspettando che io tirassi fuori le palle per farlo.
Oggi finalmente sono chi ho sempre desiderato vedere allo specchio.
Oggi finalmente non provo odio a guardarmi.
Oggi finalmente sono felice.
Sono una mamma che ama suo figlio più della sua vita,ma doveva cambiarla quella vita per rendere felice suo figlio.
Oggi sono Andrea. Finalmente“.

GLBT Newsomofobia

comments

Articoli più letti del mese