Schermata 2015-07-25 alle 02.57.16

“L’ISIS e la mia famiglia volevano uccidermi” – straziante lettera di un ragazzo gay iracheno

Schermata 2015-07-25 alle 02.57.16
Un ragazzo gay iracheno di 24 anni ha condiviso la sua storia per testimoniare la terribile situazione della comunità lgbt in Iraq. Il giovane è riuscito a fuggire in Libano, dopo che anche suo padre e suo zio volevano ucciderlo consegnandolo nella mani dell’ISIS.
Questo deve far riflettere su quanto la religione in certi casi possa offuscare la mente delle persone, arrivando addirittura a condannare a morte i propri figli.

“Nella nostra società, essere gay significa morire. Quando l’ISIS uccide i gay, la maggior parte delle persone sono felici perché pensano che siamo malati.
Ho capito che ero gay quando avevo circa 13 o 14 anni. Ho pensato che l’omosessualità fosse una malattia e volevo solo sentirsi normale.

Nel 2013 ho fatto a botte con un compagno di università, Omar che in seguito si è unito all’ISIS .Un mio amico gli ha detto di andarci piano con me perché stavo attraversando un momento difficile.

Nel novembre 2013, Omar mi ha attaccato con due suoi amici. Stavo tornando a casa dopo una giornata davvero incantevole. Mi hanno picchiato, mi hanno buttato a terra e rasato la testa, mi dicevano: “Questa è solo una lezione per te, per il momento, perché tuo padre è un uomo religioso”. Lui intendeva dire che per il momento non mi avrebbe ucciso solo perché mio padre era religioso.

Ho lasciato la città per un paio di giorni e non sono andato all’università, ma poi sono tornato, e a marzo 2014 Omar mi ha attaccato ancora. Stavo lavandomi le mani nel bagno dell’università quando lui e gli altri mi hanno attaccato di nuovo. Sono venuti da dietro, mi hanno preso a calci  lasciandomi incosciente. Sono stato a malapena in grado di camminare dopo delle ore e ho smesso di andare all’università per un mese.

Poi, nel bel mezzo di esami finali, l’ISIS prese il sopravvento Omar mi ha chiamato e mi ha chiesto di pentirmi e unirmi a loro. Riattaccai il telefono.

Il 4 luglio, un gruppo di combattenti dell’ISIS è venuto a casa mia. Mio padre aprì la porta e gli dissero: “Tuo figlio è un infedele e un omosessuale e siamo venuti a svolgere la punizione di Dio su di lui.”

Mio padre è un uomo religioso e fortunatamente per me lui gli disse di passare il giorno dopo, per dargli il tempo di scoprire se l’accusa era corretta. Dopo mio padre è entrato in casa e ha iniziato a urlare. Infine, ha detto: “Se queste accuse sono vere, io ti consegnerò a loro e morirai. Io me ne stavo lì non sapendo cosa fare, ero distrutto, sotto shock. Per fortuna mia madre ha deciso che avrei dovuto lasciare immediatamente la casa, e ha iniziato a lavorare su come farmi uscire dall’Iraq. Era mezzanotte e mi disse: “. Ce ne andiamo in questo momento« Mi ha portato a casa di sua sorella. Il giorno dopo lei mi ha prenotato un biglietto aereo per la Turchia e mi ha fatto un visto. Ma ho dovuto viaggiare via Erbil. Ho soggiornato in un villaggio vicino a Erbil per due settimane, cercando di entrare, ma non sono mai riuscito a farlo. Ho cercato di lasciare il paese via Baghdad, ma ci sono stati scontri sulla strada e il conducente del mio mezzo non è riuscito ad andare avanti. Ho cercato di scappare così tante volte senza mai un buon esito.

Infine, nel mese di agosto, dopo settimane di latitanza, mia mamma ha organizzato una figa passando da Kirkuk, attraverso i campi e su strade non asfaltate. Da lì, sono andato a Sulaymaniyah.

Se fossi rimasto, l’ISIS sarebbe venuto per me e mi avrebbe ucciso nello stesso modo in cui hanno ucciso gli altri. Se l’Isis non mi avesse preso, i membri della mia famiglia mi avrebbero consegnato. Pochi giorni dopo la mia partenza, ho appreso che mio zio – fratello di mio padre – aveva fatto un giuramento: quello di trovarmi e consegnarmi all’ISIS.

Recentemente, ho ricevuto un messaggio di Facebook anonimo – ma mia madre pensa che sia di mio zio. Ha detto: So che sei a Beirut. Anche se andrai all’inferno io ti seguirò per punirti.

Tutto quello è stare in un posto sicuro, irraggiungibile da mio papà o chiunque abbia pensieri estremisti. Voglio essere sicuro, per essere libero di essere me stesso – per laurearmi e iniziare a vivere … si, voglio solo iniziare a vivere.

Ho perso i contatti con la maggior parte della mia famiglia. Un mese dopo la mia fuga, mio ​​fratello minore mi ha inviato un messaggio su Facebook dicendo: “Ho dovuto lasciare la città. La famiglia è a pezzi ed è tutta colpa tua “.”

gayomofobia

comments

LGBT

Articoli più letti del mese