michela-marzano

Michela Marzano lascia il PD: “Questa legge Cirinnà umilia i gay!”

michela-marzano

La senatrice Bignami rassegna le dimissioni e adesso Michela Marzano lascia il PD, entrambe per colpa delle mutilazioni subite dalla legge Cirinnà.
“Aspetterò la fine dell’iter di questa legge, dopo di che lascerò il PD. Sono molto delusa e anche arrabbiata perché ci ritroviamo con un testo di legge nato con lo scopo di correggere un’ingiustizia, di promuovere l’uguaglianza e che invece umilia le persone omosessuali Quindi non corregge nulla e addirittura secondo me aggiunge una discriminazione ulteriore.
Quello che le persone omosessuali stanno aspettando da trent’anni sono i diritti familiari. Lo stesso statuto riconosciuto e dato alle loro coppie, al loro amore, alla loro vita comune. E non è questo che c’è nella legge. Si insiste sul fatto che si tratta di una speciale formazione sociale, rendendo fra l’altro anche difficile la decisione da parte del giudice nel momento in cui si tratteranno questioni legate alla stepchild. Finora i giudici avevano le mani libere perché, non essendoci nessuno statuto per le coppie omosessuali, potevano applicare le norme previste dall’articolo 44 della legge sulle adozioni.
Si è voluto specificare, attraverso l’assenza di determinati concetti, il fatto che si tratta di coppie di serie B, che l’amore tra due persone dello stesso sesso non è come quello eterosessuale, è un amore minore. Questa legge sancisce che le persone omosessuali sono figlie di un dio minore. Tutto è meno, tutto non è all’altezza, è meno importante, è meno profondo. Si insiste sulla precarietà. Vedi l’obbligo di fedeltà. E la fedeltà è già presente nel vincolo del matrimonio. Quando ci si sposa ci si promette fedeltà. Poi ci si può interrogare sul suo significato, su cosa vuol dire promettere amore eterno. Però o si fa una riflessione sul significato della promessa in amore, indipendentemente dall’orientamento sessuale delle persone, oppure negarlo alle persone omosessuali è un modo per delegittimare queste relazioni e l’amore omosessuale”

gayomofobia

comments

LGBT

Articoli più letti del mese