trans-gay

Morena Rapolla – avvocatessa trans si sfoga su Facebook dopo essere stata umiliata in pubblico

trans-foto-Morena“Oggi al supermercato una bambina mi indica col ditino e chiede ” Mamma ma quella è il Gender?”, la madre mi guarda impacciata e si scusa; io indosso un sorriso di circostanza, trattengo le lacrime e reincaso mortificata. Le parole non raccontano le sensazioni che mi hanno pervasa e che mi hanno fatto tornare indietro a tanti anni fa quando mi chiamavano “Ricchione” E’ questo il prodotto di tanta leggerezza scellerata che sta iniziando a scavare e saccheggiare le coscienze anche dei più inermi ed innocenti che non possono difendersi dall’indottrinamento subdolo e strisciante all’odio ed alla paura del diverso!
Tutti bravi ad invocare la libertà di espressione ed il diritto di pensarla diversamente specialmente quando in ballo c’è la vita altrui , come si dice ” tutti saggi col culo degli altri” e magari un domani verrà qualcuno che la penserà diversamente da Voi e si arrogherà il potere di giocare col culo dei vostri figli…armatevi sin da ora di coraggio per chiamare anche quello diritto di pensarla diversamente perché lo è!!! la caccia alle streghe è ufficialmente aperta, ma io sono un Gender ed a colazione mangio streghe e bambini.”

Questi sono i figli nelle mani delle famose famiglie “tradizionali”, che di generazione in generazione molto tradizionalmente si tramandano intolleranza, ignoranza e cattiveria. “Salviamo i bambini” continuano a ripetare. I bambini andrebbero salvati dalla stupidità di certe famiglie.

Fonte: OmofobiaStop

omofobiatranstransfobia

comments

LGBT

Articoli più letti del mese