madre gay

Ragazzino ucciso dai bulli perché gay, la madre adesso combatte per i diritti LGBT (VIDEO)

madre gay

Chen Chun-ju ha perso suo figlio nel 2000, quando dei bulli a scuola l’hanno ucciso e la presidenza ha cercato di far passare tutto come un attacco cardiaco.
Da quel giorno Chen si è sempre battuta per i diritti della comunità LGBT in Taiwan e ha cercato di salvare ragazzini nella stessa situazione del figlio.
“Mi chiamarono le maestre di mio figlio dicendomi che era strano e faceva cose da femmine. Mi dissero di portarlo da uno psichiatra che però mi disse ‘suo figlio è normalissimo, gli anormali sono quelli che pensano che lui sia strano’. La situazione però a scuola era ingestibile, Yeh Yung veniva bullizzato e mi ripeteva: ‘mamma aiutami vogliono picchiarmi e mi tirano giù le mutande tutti i giorni per controllare il mio sesso’. Un giorno mi chiamarono, mio figlio stava morendo, il sangue scorreva dalle narici e dalla bocca, mentre a scuola avevano già ripulito la scena dell’aggressione, dicendo che il mio bambino aveva avuto un attacco di cuore. Mi chiesero di firmare un foglio dove dichiaravo che gli studenti erano innocenti, ma io diventai pazza.
Da quel giorno aiuto tutti i ragazzini come mio figlio e combatto per la comunità LGBT.
Non dovete avere paura, dobbiamo essere coraggiosi e non vergognarci. 
Quando vado ai Gay Pride e parlo i miei bambini gay piangono e io dico di non versare lacrime, non devono mostrarsi deboli, non sono sbagliati, guardiamo il sole e combattiamo per i diritti!”
Una vera eroina.

GLBT Newsomofobia

comments

Articoli più letti del mese