screen-capture-5

Ragazzo cattolico prende a martellate il coinquilino perché gay

connor-huntley

Joseph Williams (21 anni) ha preso a martellate il suo coinquilino, Connor Huntley, mentre quest’ultimo dormiva.
Subito dopo aver colpito quello che da settimana chiamava “il malato”, Joseph ha chiamato la polizia.
“L’ho fatto. L’ho ho colpito sulla testa con un martello mentre dormiva”.
La polizia di Londra arrivata sul posto chiamata dall’aggressore, ha trovato la vittima distesa sul letto in mezzo ad un lago di sangue, ancora con il martello conficcato nel cranio, ma miracolosamente ancora vivo.
Nonostante Connor sia ancora vivo, ovviamente ha subito gravissimi danni al cervello e adesso il ragazzo soffre di continui attacchi di epilessia ed evidenti problemi di movimento.
Il suo aggressore cattolico invece, anche durante il processo, ha continuato a riferirsi all’omosessualità di Connor come se fosse un difetto, una colpa, quasi come per alleggerire il reato commesso.
Joseph Williams è stato condannato ieri a 14 anni di carcere, ma per mostri del genere servirebbe l’ergastolo con tanto di lavori forzati.
Ecco a cosa porta il fanatismo religioso, questa è la vera malattia.

Connor Huntley attack

gayomofobia

comments

LGBT

Articoli più letti del mese