pullman omofobia gay

Roma: “Froci di merda” – coppia gay aggredita su un bus

Omofobia“Al ritorno dal RomaPride, il 13 giugno, Luca Pucillo e altri 2 componenti di Diritti Civili Guidonia hanno subito un atto omofobo sul mezzo pubblico Cotral che li riportava a casa. Un passeggero sui 30 anni non ha sopportato la vista del bacio che Luca ha dato al proprio ragazzo prima di scendere dal mezzo. L’aggressore si è alzato in piedi con fare minaccioso urlando “Froci di merda!” ed altri insulti minacciando che li avrebbe ritrovati per intimidirli fisicamente. Nessuno sul mezzo pubblico ha preso apertamente le difese degli attivisti aggrediti, nemmeno l’autista Cotral. Diritti Civili Guidonia si rammarica per l’accaduto, proprio a fine di una giornata di serenità e di orgoglio come quella del RomaPride 2015 l’omofobia ci ha fatto ritornare pesantemente con i piedi a terra, in una realtà sociale e culturale povera, periferica e gretta. La vita per gli omosessuali é difficile, salutare il proprio fidanzato su un mezzo pubblico é una cosa vista e naturale e non ha bisogno di giustificazioni. In provincia sopratutto la realtà é ancora piú dura e ce lo dimostrano gli attacchi omofobi frequenti subiti. La politica é lontana, aizza questo odio con politiche omofobe oppure trattando la problematica come una bandiera da sventolare. Noi di Diritti Civili Guidonia continueremo con la nostra campagna di sensibilizzazione reale e non ci faremo intimidire.”
Ovviamente i due ragazzi hanno sporto denuncia contro ignoti, ma è davvero grave che nessun passeggero del bus abbia aiutato la coppia, proprio come nel caso di Stefano Sechi.
Non siamo al sicuro nemmeno quando salutiamo il nostro compagno, questo andrebbe fatto leggere a chi ci accusa di esagerare l’emergenza omofobia.
omofobia gay roma

gayomofobia

comments

LGBT

Articoli più letti del mese