sposi coppia gay

Sposi omofobi licenziano il fotografo per una foto rainbow – ecco la risposta geniale su Facebook

20150629_brentwood
Una coppia di sposi ha deciso di licenziare il fotografo che avevano assunto dopo che questo ha pubblicato su Facebook la foto profilo rainbow:
“Saluti Brentwood. Vorremmo solo informarvi che non intendiamo utilizzare i vostri servizi per le nostre nozze. – scrivono gli sposi – Il mio fidanzato ed io sosteniamo il matrimonio tradizionale tra un uomo e una donna e non vogliamo che i nostri soldi vadano a chi sostiene il contrario. In secondo luogo vorrei avere informazioni riguardo come ottenere indietro la nostra caparra. Grazie”.

La risposta del fotografo non è tardata ad arrivare ed è stata epica:
“Wow, non sono molto sicuro di cosa dire. Direi che questo mi delude, ma in realtà trovo che sia una buona cosa, perché anche la nostra azienda oggi non avrebbe piacerebbe a lavorare con voi.
Non è perché avete un punto di vista diverso dal nostro, ma è perché, dal momento che non vi piace chi sostiene un matrimonio gay, nessun altro dovrebbe farlo. È come se a me non piacessero i broccoli e chiedessi a tutti gli altri nel mondo di non mangiarli. Se non sei a favore del matrimonio gay va bene, non sposare una donna.
Personalmente, mi è stato insegnato a non giudicare gli altri e ad amare tutti. Quindi cercherò di non giudicare voi.
Alla Brentwood vediamo l’amore in tutte le forme. Ora per quanto riguarda la vostra caparra, spero abbiate letto il primo articolo del contratto firmato, in cui si afferma che non è rimborsabile.
Ma non vi preoccupate, non ho intenzione di tenerlo!
A causa di questa conversazione, ho deciso di donare i vostri $ 1500 a GLAD [la Gay & Lesbian Alliance Against Defamation], un gruppo creato per aiutare e sostenere i diritti dei gay.
Permettetemi di essere il primo a ringraziarvi molto per la vostra donazione e sostegno a questa grande causa!
Non avrei potuto farlo senza il vostro denaro.
Sinceramente e con amore,
Fotografia Brentwood”.

Fonte: Leggo

gayomofobia

comments

LGBT

Articoli più letti del mese