mario adinolfi rocco siffredi amore

Adinolfi attacca Rocco Siffredi, che risponde: “Tu in realtà vuoi il mio…” (VIDEO)

Intervistato a La Zanzara su Radio 24, Mario Adinolfi si è scagliato contro Rocco Siffredi (ma che strano, è sempre così pacifico e sereno).

“Rocco Siffredi è il male. Se governassi l’Italia gli chiederei di cambiare mestiere o di non tornare in Italia. Peraltro ha dichiarato che smetteva proprio con quella carriera. Non voglio che faccia business in Italia, fosse per me lo limiterei significativamente. Certi siti spinti hanno distrutto la vita di tanti giovanissimi. È l’umiliazione della donna”.

Rocco non ha perso tempo ed ha risposto a modo suo.

“Voglio lasciare un messaggio in risposta a questo signore Adinolfi, che non conosco e non ho mai visto. Lui però continua a parlare di me dicendo che devo essere esiliato dall’Italia. Ci sono persone che mi dicono ‘Rocco rispondi a sto st**zo’, io non mi permetto di dirgli st**nzo perché non lo conosco. però mi sono informato e pare lui sia un promoter delle famiglie, io ho una famiglia signor Adinolfi, da 25 anni. Una famiglia fantastica, due figli stupendi, laureati. Mi sono informato su di lei e invece pare che sia stato mollato e che sua moglie abbia capito che qualcosa non va. Quindi lei che promuove le famiglie, si scaglia contro il divorzio, predica bene e razzola male. Io penso che lui abbia un grosso desiderio, lo penso davvero. Io penso che segretamente lui voglia che io lo inc**i. Io sono convinto che lui voglia essere inc***to da me. Allora non fai altro che chiamarmi, ci mettiamo d’accordo e se a me piace il tuo c**o ti inc**o”.

Mario ha ascoltato la risposta di Rocco e gli ha chiesto di abbandonare il suo lavoro ed unirsi al Popolo Della Famiglia.

“Rocco Siffredi mi ha rivolto tramite una trasmissione radiofonica una frase violentemente ingiuriosa. Per non lasciarvi nella inutile curiosità faceva riferimento ad un secondo lui “evidente” desiderio che io avrei di essere posseduto carnalmente da lui, desiderio che lui si dice pronto a soddisfare perché le mie critiche alla sua attività lavorativa deriverebbero appunto da questa mia ambizione non realizzata, a cui pare che lui volentieri si dedicherebbe, credo dopo contrattato un adeguato compenso. Ho dovuto impiegare dieci righe per parafrasare un concetto che certamente nella sua estrema volgarità era anche più chiaro e persino comunicativamente efficace. […]

Il business a cui da oltre trent’anni si dedica ha senza dubbio dei contorni demoniaci e fu lui stesso a affermarlo davanti a milioni di italiani anni fa,

Per questo Siffredi mi attacca sul piano personale con tanta violenza e volgarità. Perché sono il primo in Italia ad aver avanzato una proposta concreta per limitare il suo giro d’affari, per intaccare l’unico motore che muove quel mondo: i soldi. In realtà cerco di dargli la possibilità di dimostrare che vale qualcosa al di là dei centimetri per cui è noto che lo spingevano, lo dichiarò alla stessa trasmissione dalla quale mi ha attaccato, a “andare a duecento all’ora in macchina sperando di schiantarmi”. Siffredi sa bene che quel che fa è male. Ma non vuole sentirselo dire. Tutto lo prendono dalla parte del pelo, lo coccolano, ammiccano, magari lo invidiano pure. Io lo prendo contropelo ma non gli dico nulla che lui già non sappia, su cui lui non abbia già dichiarato. Rimangiandosi sempre gli impegni assunti pubblicamente, a cui io però lo richiamo: abbandoni il mondo del p0rn0 e sostenga la proposta di black list dei siti hard del Popolo della Famiglia, sarebbe il perfetto testimonial. Si liberi davvero dai suoi demoni. Sarà più felice lui e renderà felice la moglie, mostrandosi come un esempio per i suoi figli. Ci può essere qualcosa di più bello? Dai, Rocco, sai bene che te la prendi con me perché in fondo vorresti dire sì alla mia proposta. Quanto alla tua, grazie, come se avessi accettato.”

Non so voi, ma ogni volta che leggo una proposta di Adinofli…

comments

GOSSIP

Articoli più letti del mese