Bad Bunny drag queen anche grazie a Lady Gaga: “Forse non sono gay, però mi importa di voi”

20 Maggio, 2020 di Fabiano Minacci

Bad Bunny ha stupito i suoi fan presentandosi in versione drag queen nel video di Yo Perreo Sola. A parte qualche commento poco felice, la reazione del pubblico è stata positiva e il rapper portoricano in una recente intervista rilasciata a Rolling Stone ha svelato come si è avvicinato alla cultura drag. SPOILER: c’entra la Germanotta.

“Ho scritto la canzone dal punto di vista di una donna. Volevo che la cantasse una donna, perché non significa la stessa cosa quando un uomo la canta. Ma a volte mi sento come quella donna che canta la mia canzone. Ho sempre pensato che ci fosse una parte di me molto femminile. A proposito di questo mio lato, devo dire che non mi sono mai sentito così maschile come quando sono diventato una drag queen. Spero che si sia capito che il mio gesto era di supporto a coloro che ne hanno bisogno. Forse non sono gay, ma sono un essere umano a cui importa dei gay. Come ho acquistato familiarità con il mondo drag? Mio cugino veniva a casa mia a provare i suoi mix, mi mostrava le coreografie, erano tutte canzoni di Lady Gaga.

Ovviamente sapevo che facendo la drag queen avrei attirato commenti negativi di qualche ignorante. Roba del tipo ‘fag**t’. Però i miei fan si sono divertiti e io sono felice di quello che ho fatto, questo importa”.

Considerando che ci sono cantanti che con la stessa velocità con cui sventolano bandiere rainbow ai concerti, corrono ai ripari mostrando le fidanzate quando vengono etichettati come “gay”, Bad Bunny invece mi sembra un ottimo esempio di alleato della comunità LGBT. Quindi un applauso a Benito Antonio Martínez Ocasio.

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!

TAGS