Finge un tutorial di trucco per aggirare la censura di TikTok e parlare dei campi di concentramento cinesi

Novembre 28, 2019 di Fabiano Minacci

TikTok è un social network cinese e come sappiamo il governo della Cina censura tutto ciò che va contro il loro regime. Essere segnalati, censurati e bannati sui social network è un attimo e ci sono molteplici algoritmi che scovano parole chiave, sia scritte, sia parlate. Per questo motivo la teenager americana Aziz, per parlare di un argomento che le sta a cuore, ha dovuto fingere un tutorial sul makeup per non essere censurata.

Per denunciare la repressione della Cina ai danni della minoranza musulmana presente nella provincia dello Xinjiang (si parla di campi di concentramento dove i musulmani verrebbero picchiati e maltrattati a causa della loro religione), la ragazza ha finto di parlare di un piegaciglia e poi – con la mano davanti la bocca per eludere gli algoritmi – ha lanciato un appello.
Come riportato da Webboh, ecco la traduzione di ciò che ha detto:

“Ciao ragazzi! Oggi vi voglio insegnare come avere delle ciglia lunghe, la prima cosa da fare è prendere il piegaciglia. Ovviamente dovete piegare le vostre ciglia, poi posarlo e usare il vostro cellulare per cercare cosa sta succedendo in Cina in questo momento. Stanno creando dei campi di detenzione, separano le famiglie, rapiscono i musulmani, li uccidono, li stuprano, li costringono a mangiare maiale e bere, a convertirsi a un’altra religione e se non lo fanno li uccidono”.

La ragazza geniale, ciò che succede in Cina, invece, deve far riflettere.


Visualizza questo post su Instagram

Hi guys, I made a video about the situation in China with how the government is capturing the Uyghur Muslims and placing them into concentration camps. Once you enter these camps, you’re lucky if you get out. Innocent humans are being murdered, tortured, raped, receiving shock therapy, and so much more that I can’t even describe. They are holding a genocide against Muslims and they’re getting away with it. We need to spread awareness. I know it might sound useless, what can spreading awareness and talking about this even do? What are we supposed to do about it? We have our voices and technology to help us. Speak to those who can help! The UN failed to stop this genocide in the summer, we can’t let that happen again. We can’t be silent on another holocaust that is bound to happen. We can’t be another failed generation of “what could’ve, should’ve, would’ve”. We are strong people. We can do this. Only if we try #muslim #islam #tiktok #uyghurmuslims #china #freepalestine

Un post condiviso da Feroza Aziz? (@ferozzaaa) in data:

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!