Consigliere comunale omofobo: “CoronaVirus punizione divina per la perversione dei gay, capisco perché li bruciavano nel medioevo”

19 Aprile, 2020 di Anthony Festa

Fabio Tuiach ne ha sparata un’altra delle sue. Il consigliere comunale di Trieste (eletto con la Lega Nord nel 2016) dopo aver attaccato in modo squallido (tirando in ballo il CoronaVirus) Barbara d’Urso per le sue posizioni in merito ai diritti LGBT, ieri è tornato a prendersela con i gay.

Tuiach ha detto di essere d’accordo con l’arcivescovo Viganò e la sua assurda teoria sul Covid come “punizione di Dio per la sodomia e i matrimoni gay”. Ma non è finita qui, perché il consigliere comunale ha anche aggiunto che “capisce come mai nel medioevo bruciavano i fr*ci”.

“Ragionavo in modo diverso un tempo ma diversi anni fa, quando ho iniziato a muovermi verso la politica, i fr*ci hanno iniziato a insultarmi e perseguitarmi su Facebook perché per loro la Lega era omofoba. Andando avanti nel mio percorso, lasciato la Lega e cresciuto nella tradizione della nostra Fede, mi hanno iniziato a perseguitare ancora di più soprattutto per la mia religione e ogni giorno prendono qui un mio post e ne fanno articoli sui loro siti per fr*ci. Credo che l’arcivescovo tradizionalista Viganò ha perfettamente ragione a dire che il virus sia una punizione divina dovuta alle perversioni dei fr*ci e ora capisco perché nel medioevo che ha dettato l’apice della cristianità li mettevano al rogo mentre nell’est Europa che è ancora cattolico i gaypride che insultano la nostra Fede finiscono in rissa. Questa è la dittatura delle minoranze e il vero ribelle è chi si inginocchia davanti alla croce e difende la famiglia naturale senza paura di essere perseguitato.

Nel 2019 ci sono stati 178 morti in incidenti con il trattore in Italia, 119 femminicidi mentre i dati dei morti per l’omofobia non sono riportati, forse perché non esistono in Italia. Ritengo il trattoricidio un grave problema per il nostro paese e mi meraviglio che nessun politico non ne parli. Di coronavirus in Italia dicono sono morte già 22745 persone anziane con patologie, nel mondo 154350″.

So bene che (purtroppo) non c’è ancora una legge contro l’omofobia, mi chiedo però se un cittadino che viene eletto per rappresentare la comunità in un organo del comune possa parlare indisturbato in questo modo. Leggo decine di deliri omofobi ogni settimana, ma ammetto che questo mi ha messo i brividi.

Il post del consigliere comunale sul social network russo VK.

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!

TAGS