Coppia gay minacciata dai condomini: “Voi omosessuali siete i primi a prendere il CoronaVirus, andatevene”

2 Aprile, 2020 di Anthony Festa

L’omofobia non ha confini e non si ferma nemmeno con l’emergenza del CoronaVirus. La Polizia francese sta indagando dopo che David, un ragazzo che lavora in un ospedale di Marsiglia, ha trovato un biglietto agghiacciante sul parabrezza della sua auto. Alcuni vicini di David hanno chiesto a lui e al suo compagno di lasciare il condominio, perché gli omosessuali “sono i primi a contrarre il CoronaVirus’. Il 31enne ha consegnato il foglio alle forze dell’ordine della sua città, che però si sono rifiutate di dare il via alle indagini. Così il ragazzo ha pubblicato la minaccia su Facebook ed è stato contattato dalla Polizia di Bordeaux, che adesso è al lavoro e sta cercando di capire chi abbia scritto quell’avvertimento alla coppia.

“Potreste lasciare il condominio? Questo perché sappiamo che voi omosessuali siete i primi ad essere contaminati dal COVID-19. Sia chiaro che questo è il primo avvertimento.”

Contattato da un noto giornale francese, David ha spiegato che nonostante le indagini della Polizia, adesso non si sente al sicuro a casa sua.

“Ci hanno detto che si sarebbero assicurati di trovare i colpevoli, che forse avrebbero potuto anche recuperare il DNA dal foglio. Sicuramente analizzeranno la scrittura. Nonostante tutto non ci sentiamo al sicuro. Il CoronaVirus mi colpisce doppiamente, lavoro in ospedale e sono gay e per qualcuno è sinonimo di untore. Posso capire che, psicologicamente, è difficile essere rinchiusi a casa, però con noi hanno esagerato. Personalmente, non mi aspettavo di ricevere una minaccia del genere. Dovrei andarmene perché i gay contagiano gli etero?”

Preti, rabbini e pastori dicono che il CoronaVirus è una punizione divina causata dai gay, gli omofobi adesso ci accusano di essere i primi a diffondere il Covid, il prossimo cogli**e tirerà fuori una teoria sul fatto che il virus sia nato nei bagni del Muccassassina?

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!

TAGS