Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui.

Cristiano Malgioglio e Vladimir Luxuria difendono Caterina Balivo

Categorie: GOSSIP

Qualche giorno fa ha fatto molto discutere la decisione di Caterina Balivo – in accordo con il Pride di Milano – di non fare più da madrina al Gay Pride lombardo che si terrà questo sabato. La decisione è stata maturata dopo aver letto su internet molteplici lamentele sul suo arruolamento, dovuto a delle battute che la conduttrice ha fatto in passato su Ricky Martin e Vladimir Luxuria.

Da donna matura, comunque, la conduttrice di Vieni Da Me ha preferito evitare di polemizzare sul palco del Milano Pride e di lasciare spazio agli altri, supportando comunque sui social la manifestazione.

In occasione del suo compleanno, è stata però proprio Vladimir Luxuria a rispondere a Caterina Balivo ed a svelare un loro retroscena che mostrerebbe la conduttrice tutt’altro che transofoba.
Ti conosco da quando mettevo reggiseni imbottiti e tu mi smaltavi le unghie e poi a ballare! ❤️ grazie

Ti conosco da quando mettevo reggiseni imbottiti e tu mi smaltavi le unghie e poi a ballare! ❤️ grazie

— vladimir luxuria (@vladiluxuria) June 25, 2019

Anche Cristiano Malgioglio intervistato da AdnKronos ha detto la sua sulla questione.

“Mi dispiace che Caterina non sarà più la madrina al gay pride di Milano perché è una mia cara amica. Secondo me ha fatto una battuta, ma non voleva offendere però bisogna fare sempre attenzione e misurare le parole. A me personalmente, ad esempio, non mi hanno toccato minimamente ma ad altre persone, magari più sensibili, la battuta non è piaciuta. Quando si parla bisogna stare attenti a come si dicono le cose, in questo periodo cadono i 50 anni del movimento Lgbt che sta facendo una battaglia incredibile contro ogni forma di discriminazione e che ha smosso tutto il mondo, a New York, ad esempio, sarà una star come Madonna a chiudere il gay pride”

Ph. Getty Images