Giorgia Meloni parla di discriminazione verso i gay e commenta la sua visita all’Arcigay

10 Novembre, 2019 di Fabiano Minacci

In questi giorni il tormentone “Io Sono Giorgia” è sbarcato in diversi locali LGBT ed è stato condiviso da centinaia di migliaia di persone. Oltre alla hit, ha iniziato a diventare virale anche un vecchio video di Giorgia Meloni, di quando nel 2009 (quando era ministra della Gioventù) è stata al convegno su disagio e diversità giovanile, organizzato dall’Arcigay. In quell’occasione la leader di Fratelli d’Italia ha anche abbracciato l’allora presidente di Arcigay, Aurelio Mancuso.

“Misure contro l’omofobia? Io credo che ci voglia innanzitutto una capacità di insistere su iniziative culturali che possano combattere a 360° tutte le forme di disagio che sono alla base di tutte le discriminazioni compresa anche la discriminazione che riguarda i giovani omosessuali. Questo è un compito istituzionale che mi compete”.

Ieri Giorgina ha commentato un articolo di Open dichiarando di non aver mai discriminato i gay e addirittura di “combattere le discriminazioni”.

“Per Open_gol sarei favorevole a discriminare i gay? Combattere discriminazioni non vuol dire essere per forza a favore di adozioni omosessuali, #uteroinaffitto o genitore 1 e 2 al posto di mamma e papà. Capisco si voglia dipingere il mostro, ma non mi sembra difficile da capire.”

Ok, quindi è “solo” un problema di adozioni? Quindi era favorevole alle unioni civili? E’ stata a qualche Pride? Voterà a favore della legge contro l’omofobia proposta dal PD?
Giorgina dammi retta, evita questi tweet e continua a ballare “genitore 1 e 2, 1, 1 e 2”.

Giorgia Meloni al convegno di Arcigay – il video.

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!