Legge contro l’omofobia: la Lega di Salvini, ça va sans dire, cerca di bloccarla

13 Febbraio, 2020 di Fabiano Minacci

Niente da fare, l’estrema destra della politica italiana ancora una volta sta facendo di tutto per cercare di impedire l’approvazione di una legge contro l’omofobia e proprio come successo anni fa quando in Parlamento c’era la legge sulle Unioni Civili, anche questa volta il partito di Salvini ha presentato decine di emendamenti con il solo scopo di fare ostruzionismo.

A raccontarlo è stato su Instagram Alessandro Zan, l’Onorevole primo firmatario della legge contro l’omo-transfobia:

“Mentre però ogni gruppo ha presentato due, tre massimo quattro proposte di audizione, la Lega ne ha presentate 59. […] Proposte che stanno a significare non la volontà di approfondire i contenuti della legge ma evidentemente la volontà di fare ostruzionismo. Però da parte nostra e della maggioranza c’è invece la volontà di andare avanti con rigore e con serietà perché è una legge attesa da tanti anni visto che mentre noi discutiamo qui in commissione, fuori dai palazzi le persone gay, lesbiche e trans sono ogni giorno aggredite per motivazioni che riguardano la loro condizione personale. E dunque è un fatto grave che un paese così detto civile non può continuare a tollerare. Ecco perché noi andremo avanti con determinazione in commissione e poi in aula, speriamo presto, per l’approvazione della legge contro l’omotransfobia”.

Entrata in Parlamento ad ottobre, la legge contro l’omo-transfobia è ancora ferma.
Cari leghisti che come sempre boicottate contro la civiltà

 

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!

TAGS