Padre porta il figlio da una lucciola: “Ho paura che sia gay e provo a guarirlo, un figlio omosessuale è un fallimento”

Novembre 14, 2019 di Fabiano Minacci

Qualche settimana fa Gabriele ha chiamato il The Morning Show (Radio Globo) per raccontare la sua storia agghiacciante. L’uomo ha detto di aver avuto paura che suo figlio fosse gay e così ha deciso di portarlo da una lucciola. L’ascoltatore ha usato termini disgustosi come “curare”, “correggere” ed ha detto che per lui avere un ragazzo gay in casa sarebbe un fallimento.

“Avevo il dubbio che mio figlio stesse diventando gay. Ero frastornato da mille pensieri. Lo vedevo uscire con persone un po’ effeminate. Al lavoro mi sono confrontato con dei colleghi che scherzando mi hanno detto di portarlo con donne a pagamento. Io all’inizio l’ho presa a ridere e poi non ci dormivo la notte. Prima che ci diventa mi sono detto ‘facciamo qualcosa’. Su internet ho trovato un annuncio. Mio figlio c’ha 21 anni. Se è gay provo a guarirlo. Io gli chiedevo se gli piacessero gli uomini o le donne e lui non mi rispondeva mai, scappava in camera.

Io mi sono sposato a 27 anni, poi ci siamo separati. Il bambino è rimasto molto male. I primi anni l’ha gestito la mamma e poi è rimasto con me. A scuola andava sempre bene. Alla fine delle scuole superiori era sempre più timido e all’università aveva atteggiamenti strani, non aveva nemmeno una ragazza, era molto chiuso. Avevo molto timore che stesse prendendo la strada dell’omosessualità. Io sono sincero, io un figlio omosessuale in famiglia non lo voglio. Per me un figlio gay sarebbe un fallimento come padre.

 

 

Non l’ho portato da donne di strada, ma in altri posti, ho speso soldi. Almeno c’ho provato a correggerlo. Io un figlio gay non lo voglio. Già non sono riuscito a costruire una famiglia io, ma un ragazzo omosessuale proprio no. Magari lui è diventato omosessuale a causa della mai separazione. Adesso io ve l’ho fatta breve, ma ci sono dei segnali chiari. Sul suo cellulare aveva solo foto di ragazzi, nemmeno una donna.

Se avessi avuto una figlia femmina e fosse stata lesbica mi sarei suicidato”.

Assurdo come nel nostro paese un padre possa pensare che sia più naturale pagare una signorina per il figlio, piuttosto che comprendere che lui ami un altro uomo. Del mio stesso parere è Carmen Di Pietro, che proprio al The Morning Show ha asfaltato Gabriele.

“Tu ti devi fare schifo come persona. Tu non vuoi bene a tuo figlio. Sono anche io mamma e non ti capisco. Se mio figlio mi dicesse che è gay a me non importerebbe nulla. Io voglio solo la felicità del mio bambino, gay o etero che sia. Mi fai schifo sul serio, sei vergognoso. Vergognati! L’omosessualità non è una malattia tu non puoi dire queste cose. Ma stai scherzando?!”

Mi auguro che prima o poi queste persone capiranno che è l’omofobia che va curata, non l’omosessualità.

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!