Papa Francesco: “Figli omosessuali? Genitori, provate con la psichiatria”

27 Agosto, 2018 di Fabiano Minacci

Papa Francesco, dopo essere stato accolto in Irlanda da bandiere arcobaleno e da un premier omosessuale, intervistato dal Corriere Della Sera ha risposto alla domanda: “Cosa fare se un figlio si dichiara gay?“.

Il Pontefice ha sentenziato che tutto dipende dall’età del figlio, perché se giovane (“sotto i vent’anni”) i genitori potrebbero portarlo dallo psicologo, alludendo a chissà quale ipotetica teoria riparativa.

Dipende, bisogna pregare e dialogare, non condannare: in quale età si manifesta questa inquietudine? E’ importante. Una cosa è se si manifesta da bambini, perché ci sono tante cosa da fare con la psichiatria, per vedere come sono le cose. Un’altra è se si manifesta dopo i vent’anni o cose del genere”.

Papa Francesco forse non sa che l’omosessualità è stata tolta dalle malattie mentali nel 1990 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e che un aiuto psicologico non servirà a niente, se non a prendere atto del proprio orientamento sessuale.

L’aiuto psicologico serve però sicuramente a tutti quei ragazzini che sono stati molestati dai preti pedofili, perché il Pontefice non lo ha mai detto in nessuna intervista?

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!

TAGS