unioni-gay-papa-francesco

Papa Francesco contro gli omofobi: “Chi discrimina i gay non ha un cuore umano”

Papa Francesco ha deciso di incontrare Stephen K. Amos, che gli ha confidato di non sentirsi accettato dalla Chiesa come omosessuale. Il pontefice ha risposto al comico britannico, che chi discrimina o non accetta le persone omosessuali non ha un cuore umano.

“Chi rifiuta gli omosessuali non ha un cuore umano. Dara più importanza all’aggettivo ‘gay’ che al sostantivo ‘uomo’ non è buono. Siamo tutti esseri umani, abbiamo dignità, se una persona ha una tendenza o un’altra, questo non toglie la sua dignità di persona. Quindi ripeto che le persone che decidono di rifiutare le persone per l’aggettivo sono persone che non hanno un cuore umano. Non importa chi tu sia o come viva la tua vita. Tu non perdi comunque la tua dignità”.

A questo punto ci dobbiamo aspettare che il Papa inizi a combattere per i diritti LGBT? Ovviamente no, ma rispetto a quanto detto e fatto dai suoi predecessori, direi che questo è oro. Personalmente – da ateo convinto – non cerco l’approvazione di nessun signore della chiesa o delle loro bislacche divinità, ma devo anche essere obiettivo. Il pontefice è il capo di un’istituzione seguita da milioni di fedeli e un messaggio del genere non può che far bene a tutti, soprattutto adesso che abbiamo un governo (certamente non gay friendly) con dei ministri che hanno partecipato al tristemente noto congresso delle famiglie di Verona.

Papa Francesco e le parole sui ragazzi gay cacciati di casa (intervista del mese scorso).

“Nessuno deve cacciare di casa una persona perché ha una tendenza omosessuale. Io stavo spiegando questo. Ma devo fare una distinzione. Non ho mai detto che gli omosessuali devono andare dallo psichiatra per la loro tendenza.
Oggi per la cultura occidentale, per la famiglia certe cose sono ancora rare.
Ma una volta stabilito l’atteggiamento omosessuale, quel ragazzo o quella ragazza omosessuale hanno diritto a una famiglia. E quei papà e quelle mamme hanno diritto a un figlio, sia come sia. E nessun figlio o figlia omosessuale può essere cacciato via da casa”.

gayomofobia

LGBT

Articoli più letti del mese