Rocco Fasano

Rocco Fasano di Skam Italia è gay? L’attore parla di omofobia

Rocco Fasano di Skam Italia è gay come lo è nella serie TV di Tim Vision che lo ha lanciato a tutti gli effetti fra gli attori più amati?

Nato a Potenza nel febbraio del 1993, Rocco Fasano in Skam Italia interpreta il misterioso Niccolò Fares, che nel corso delle puntate si innamora e si fidanza con Martino Rametta (interpretato da Federico Cesari, già visto ne I Cesaroni), ma se nella serie è felicemente omosessuale, nella vita reale nessuno glielo ha mai chiesto e quindi non sappiamo nulla di ufficiale sul suo orientamento sessuale.

Rocco, a giudicare dai suoi profili social, ha molti amici gay ed ha preso parte anche ad alcuni gay pride, ma questo ovviamente non vuol dire assolutamente niente, solo che è una persona intelligente e senza pregiudizi.

Rocco Fasano Gay Pride

In merito al suo arrivo a Skam Italia, Rocco Fasano ha dichiarato:

“Avevo molte paure e dubbi perché sono entrato in una famiglia già assemblata e molto unita. Però mi hanno accolto benissimo e avere Federico affianco è stato favoloso: le scene che abbiamo dovuto affrontare era facile rovinarle se non ci fosse stata quella chimica professionale e umana. Questa stagione parla di omosessualità, una tematica sensibile in Italia come nel resto del mondo, l’omofobia è un problema ovunque e rappresentare con naturalezza la storia di due ragazzi è importante anche per il ruolo politico e sociale che ha la serie”.

E ancora:

“E’ stata un’esperienza molto particolare perché con Skam ho vissuto un mescolamento tra professionale e umano: con molti membri della crew e del cast siamo diventati amici nella vita reale. A mio parere è raro. Dal punto di vista lavorativo è stata una grande crescita. Per la prima volta mi accingo a interpretare un personaggio abbastanza corposo, per sei settimane. Mi ha permesso di entrare nella pelle di Niccolò, di viverlo. Niccolò mi ha lasciato delle cose, è stato un bellissimo scambio”.

Rocco FasanoRocco Fasano Gay Rocco Fasano Skam Italia gay

LGBT

Articoli più letti del mese