tyra sanchez phi phi ohara tatianna

Scoppia il caos fra le drag di RuPaul: Tyra minaccia Phi Phi e Tatianna – vengono presi provvedimenti (VIDEO)

Le Queens di RuPaul’s Drag Race continuano a regalarci gioie trash e se all’interno della competizione la guerra è fra Miz Cracker e Aquaria, fuori Tyra Sanchez rischia di perdere la corona per aver minacciato Phi Phi O’Hara e Tatianna. O come ama chiamarle lei “Mrs Phi Phi and Mrs Mother F*cking Tati“.

Mettetevi comodi, che vi racconto la storia.

Tutto è iniziato lo scorso settembre quando in un video pubblicato su SnapChat Phi Phi O’Hara ha detto che Tyra Sanchez ha scippato la vittoria a Raven.

Tatianna, che con Tyra e Raven ha condiviso la stagione, ha supportato l’amica O’Hara confermando la sua tesi e mandando su tutte le furie la Sanchez, che già in passato litigò aspramente con lei.

Qualche settimana dopo Tyra ha anche sbroccato contro tutte le altre vincitrici sostenendo di essere l’unica Queen ad aver trionfato per volere di RuPaul, mentre le altre di essere state incoronate “da autori bianchi”.

Finito qua? Ovviamente no: Tyra ha avuto brutte parole anche su Bebe Zahara Benet in All Stars sostenendo la tesi che una vincitrice non possa tornare a competere con altre perdenti.

In un gioco di frecciatine, like incrociati e retwitt, Tyra Sanchez alla fine ha sbroccato contro Phi Phi O’Hara e Tatianna arrivando a minacciarle.

“Quando vedrete Phi Phi e Tati per terra saprete che sono stata io”.


Phi Phi O’Hara e Tatianna dopo questa frase si sono subito mobilitate chiedendo (ed ottenendo) l’espulsione di Tyra Sanchez dall’evento a Los Angeles che avrebbero dovuto tenere tutte insieme.

Tatianna si è anche lasciata andare ad una serie di tweet (che ha cancellato) in cui dà a Tyra della str**a, subdola, tr**a, bast**a ed altre carinerie varie come:

“E’ stata bandita dall’evento? Poco male, tanto nessuno sarebbe venuta a vederla, è la vincitrice meno apprezzata della storia”.

Io, che sono da sempre team Raven, non posso che supportare.

drag queenrupaul's drag race

comments

LGBT

Articoli più letti del mese