salmo fedez social vanity fair

Salmo dopo la litigata con Fedez torna a stuzzicare il rapper

Tra Salmo e Fedez non scorre buon sangue, il rapper di 1984 ha accusato il collega di avergli copiato alcune stampe del merchandising.
Federico però si è subito giustificato:

“Paranoia Airlines l’ho annunciato a ottobre… Il tuo merch è di novembre e sinceramente pensi che abbia copiato il titolo del mio disco (lavorato per un anno) pensando al tuo merch uscito a novembre…?
Pace e bene a te ed a tutti quelli che ogni giorno non perdono occasione per voler litigare con me a caso, io continuo a farmi i c**i miei comunque, attendiamo il prossimo“.

Oggi in un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano, Salmo è tornato a punzecchiare Fedez:

“Lui dice di non aver ascoltato il mio nuovo album? Secondo me l’ ha sentito. Io ho ascoltato il suo, mica mi vergogno. Però non mi è piaciuto. Gli ha dato un titolo giusto, ‘Paranoia Airlines’: si è descritto molto bene. Ma non ricordo una rima. […]
Mentre stimo molto Fabri Fibra è il mio maestro. Lucido e intelligente. Ha scritto cose lui sulla droga in Mr. Simpatia che in confronto Sfera Ebbasta è un’educanda”.

Salmo ha anche parlato di Matteo Salvini.

“Le polemiche tra Matteo e alcuni cantanti? Non è una cosa negativa questa. A Salvini riconosco che si è messo in gioco. Ha usato il linguaggio giusto e questo fa di lui una persona furba. Comunque non c’ è tutto questo odio contro Salvini, il modo in cui lavora è figo, respect! Sono le idee che magari non condivido. La protesta dei pastori in Sardegna? Salvini è l’ unico che può fare qualcosa: le persone lo hanno eletto, speriamo faccia qualcosa”.

Salvini lavora in modo figo?
Pensare che lo scorso novembre Salmo è stato molto più duro contro Salvini…

“Non puoi stare con Salvini e ascoltare hip hop. Strappa le mie magliette, brucia i cd. Oppure cambia la tua idea del caz**”.

 

Lo scontro tra Salmo e Fedez.

fedez

GOSSIP

Articoli più letti del mese