Suburra

Suburra di Netflix, svelata la data d’uscita della seconda stagione: Spadino dirà di essere gay?

Debutta il prossimo 22 febbraio 2019 la seconda stagione di Suburra, il primo crime thriller italiano originale Netflix.

Tratta dall’omonimo romanzo scritto da Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini, la seconda stagione di Suburra è ambientata nei quindici giorni che precedono le elezioni del nuovo sindaco di Roma, a tre mesi dalla fine della prima stagione.

Confermati nella story-line i personaggi di Aureliano (Alessandro Borghi), Spadino (Giacomo Ferrara), Lele (Eduardo Valdarnini), Sara (Claudia Gerini), Amedeo (Filippo Nigro) e Samurai (Francesco Acquaroli).

Suburra, Spadino è gay ed innamorato di Aureliano

Che Spadino sia gay non è uno spoiler: sua mamma lo fa capire nei primissimi minuti della prima puntata e questo fatto tocca molto il malavitoso, dato che neanche lui ha pienamente capito il suo orientamento sessuale e quasi sfida la madre a dirlo.
Perché, che sono? Dillo“.

Suburra Spadino Gay Mamma (1) Suburra Spadino Gay Mamma (2)

Quel che la madre sa, Spadino non può rivelarlo in famiglia, dato che suo fratello ha combinato per lui un matrimonio con Angelica Sala, figlia di un altro clan malavitoso con cui si vogliono mettere in affari.
Spadino per questo motivo si presenterà ubriaco alla festa di fidanzamento e tratterà con riluttanza la sposina fino al matrimonio quando, per dimostrare di aver fatto sesso ed averle rotto l’imene, si taglia un braccio e fa sgorgare il suo sangue sulle lenzuola.

Spadino e Angelica Suburra

Spadino capisce di essere gay, ma non lo accetta. Non fino in fondo almeno. Per togliersi ogni dubbio, infatti, va a cercare un gigolò, ma appena lo trova scappa, quasi infastidito all’idea che un altro uomo possa in qualche modo toccarlo.
Sarà l’amicizia con Aureliano a dar la conferma a Spadino di essere gay dato che si invaghisce perdutamente del “rivale” ed arriva quasi ad essere geloso della fidanzata Isabel, di cui Aureliano è palesemente innamorato.

Aureliano e Spadino Fango Aureliano Spadino Cappello SuburraAureliano e Spadino bacio Suburra

Mi hai cambiato la vita Aurelià“.
Con questa frase Spadino fa coming out con Aureliano e gli dice in maniera abbastanza palese che se ha preso accettazione di se stesso è solo grazie a lui che lo ha fatto – involontariamente – innamorare.
Ovviamente la reazione di Aureliano non è per niente friendly e rispecchia l’omofobo medio italiano.
A fro**o di merda, quelli come te li schifo, non me toccà“.
L’amicizia è rovinata, il sentimento fra i due non è ricambiato ma Spadino, che ha ormai piena consapevolezza di sé, vive con tranquillità il proprio orientamento tanto da tornare dal gigolò delle prime puntate per farci sesso.
L’unico gesto “umano” di Aureliano è quando punta una pistola a Spadino e – in ricordo della bella amicizia che c’è stata – non lo uccide, nonostante sia gay.

SERIE TV

Articoli più letti del mese