Taylor Swift, il documentario sulla sua vita presto su Netflix

5 Dicembre, 2019 di Redazione

Dal 23 gennaio 2020 fino al 2 febbraio 2020 si terrà a Park City (Utah) il tradizionale Sundance Film Festival. La rassegna, dedicata al cinema indipendente, è stata fondata ed è diretta da Robert Redford. In quell’occasione verrà ufficialmente presentato un documentario di cui si parla da alcuni mesi e che ha come protagonista Taylor Swift. Intitolato Miss Americana, il documentario vede Lana Wilson regista e Morgan Neville, Caitrin Rogers e Christine O’Malley produttori. Sbarcherà su Netflix molto presto e sui social è descritto così:

Uno sguardo crudo su una delle artiste più iconiche del nostro tempo, mentre impara a familiarizzare col suo ruolo non solo di cantautrice e performer, ma anche di donna che sfrutta tutta la potenza della sua voce.

Taylor Swift è Miss Americana

Miss Americana, il documentario interamente dedicato alla vita di Taylor Swift, arriverà su Netflix nei primi mesi del 2020. Si concentrerà soprattutto sugli esordi della carriera della cantautrice. Lei stessa nel dare l’annuncio ai suoi fan, alcune settimane fa, aveva spiegato che si trattava di un progetto molto difficile da portare avanti, purtroppo, a causa della questione ancora aperta sui diritti della sua musica e dei suoi video:

Netflix ha creato un documentario sulla mia vita negli ultimi anni. Scott e Scooter hanno proibito l’utilizzo della mia vecchia musica o dei video delle mie esibizioni per questo progetto. Comunque nel film non si fa riferimento a loro o alla Big Machine Records.

L’artista infatti è in aperta polemica da circa un anno con Scott Borchetta e Scooter Braun, i due manager che hanno acquisito tutti i diritti dei suoi brani contro la sua volontà e a sua insaputa. All’epoca ne era nata una forte mobilitazione anche in rete, con tanto di hashtag #IStandWithTaylor: il supporto e l’affetto dei fan non sono mai mancati alla popstar. Il documentario, dunque, ha rischiato di non vedere la luce, visto che la cantante non è di fatto proprietaria della sua musica. Resta dunque da capire se le parti siano giunte a un accordo e dunque se la musica dell’artista sia effettivamente parte integrante o meno del documentario, come dovrebbe essere.

Taylor Swift è tra l’altro reduce da un importantissimo riconoscimento: agli ultimi American Music Awards è stata omaggiata come Artista del decennio, superando anche il precedente record di premi vinti detenuto da Michael Jackson.

 

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!