Tronista accusata di essere una ladra e aver rubato dei soldi racconta cosa è successo

19 Novembre, 2019 di Fabiano Minacci

Due settimane fa un organizzatore di eventi ha accusato l’ex tronista Valentina Dallari di non aver suonato alla serata per la quale era stata pagata e di essere scappata con i soldi.

“Valentina Dallari si è presentata all’hotel La Rupe presso Venere di Pescina, in Abruzzo, location presso la quale doveva svolgere la prestazione artistica. Lei è stata messa al corrente di tutto, le è stato dato vitto, alloggio e tutto il resto come accordato. Dopo mezz’ora ha voluto cambiare hotel nel quale alloggiare, che è stato prenotato e pagato, per farla contenta. Nel secondo hotel non si è mai presentata. Ha rubato tutti i soldi, compreso il pagamento del secondo albergo ed è scappata via insieme all’altro impostore, suo driver, non effettuando la prestazione artistica. Consiglio a tutti di tenerla lontana. Quello che ha fatto non ha bisogno di aggettivi. Sull’accaduto si stanno avviando le vie legali”.

Ieri sera l’ex tronista era in studio a Live Non è la d’Urso ed ha raccontato la sua versione dei fatti. La dj ha anche aggiunto di aver denunciato pr diffamazione gli organizzatori di questo evento.

“Con il manager e loro abbiamo firmato un contratto. Era tutto ok da contratto. Quando sono arrivata in hotel quello dell’albergo mi ha detto ‘tu chi sei? cosa ci fai qui?. Chiamo l’organizzatore che mi dice di aver cambiato location all’ultimo minuto. Cosa che non si potrebbe fare. Noi andiamo quindi nel nuovo hotel, non era per nulla a livello di quello di prima. Entriamo, l’organizzatore arriva e ci porta la prima parte dei soldi. Chiediamo di vedere la sala dove avrei suonato. In realtà era una cantina di un hotel con la muffa nei muri, i tavoli orrendi, io ci sono rimasta malissimo.

Il mio manager ha chiamato l’organizzatore e gli ha detto che non avrei suonato, ma che sarei tornata in un’altra data. Io effettivamente i soldi li ho presi, ma da contratto è così. Dovevo essere pagata anche se il luogo era diverso. Noi però eravamo disposti a tornare. Abbiamo detto ‘siete in difficoltà? noi torniamo gratis, tanto siamo già stati pagati’. Io comunque ho dovuto denunciare per diffamazione. Mi hanno portato un danno incredibile”.

Aspettiamo una replica dell’organizzatore e prepariamo i popcorn.

 

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!