L’Ungheria si ritira dall’Eurovision perché considerato troppo gay

Novembre 28, 2019 di Fabiano Minacci

L’Eurovision Song Contest 2020 si terrà a Rotterdam, ma fra i paesi in gara non ci sarà l’Ungheria che circa un mese fa ha annunciato il suo ritiro.

Il motivo ufficiale non è stato spiegato, ma secondo quanto riferito dal The Guardian il governo ungherese, guidato da Viktor Orban, avrebbe deciso di far ritirare il proprio paese dalla competizione canora perché la considera “troppo gay”.

A inizio anno, come riporta Gay.it, un portavoce del governo di Orban ha paragonato le adozioni da parte delle persone dello stesso sesso alla pedofilia, mentre un commentatore televisivo filo-governativo ha definito l’Eurovision “un’accozzaglia omosessuale”, rimarcando come la mancata partecipazione del Paese andrà a beneficio della salute mentale della popolazione.

Insomma, niente Ungheria all’Eurovision Song Contest perché considerato “troppo gay”. Anno 2020, tutto regolare.

EDIT:

La notizia tuttavia è stata smentita (in parte) da un portavoce del Governo ungherese, senza però specificare quali siano le reali motivazioni.

Non vuoi perderti le ultime news?

Seguici anche su Facebook, Instagram e Twitter!